8 Febbraio, 2019 | Di

L’importanza della digital privacy

digitrends_digitalprivacy

La tecnologia si sta espandendo sempre di più in tutti gli ambiti della nostra vita. Possiamo chiedere a una macchina di eseguire una ricerca al posto nostro, affidarci a un bot per rispondere alle e-mail, persino affidare a un sistema informatizzato la gestione del nostro conto in banca.

La crescita dell’Intelligenza Artificiale (AI) da un lato semplifica molto le nostre vite, e soprattutto quelle di persone con necessità di assistenza in determinati ambiti, dall'altro solleva questioni di tipo etico.

Secondo la Treccani, si definisce “etica” il complesso di norme morali e di costume che identificano un preciso comportamento nella vita di relazione. Questa relazione può essere interpersonale, professionale o, come in questo caso, può riguardare il mondo digitale. Il concetto si applica alla comunicazione online e al modo in cui le tecnologie utilizzate sulle piattaforme digitali si interfacciano con l’utente che le sta utilizzando.

Se l’AI ci aiuta a vivere in maniera più comoda, è anche vero che questo sviluppo ha fatto emergere una lunga serie di problemi e rischi correlati all’uso responsabile della tecnologia.

 

PRIVACY ED ETICA DEI DATI

Le informazioni sono diventate più disponibili. Oggi è facile avere accesso a una grande mole di dati personali: viviamo sui social network, siamo sempre connessi allo smartphone, e una larga parte delle nostre attività quotidiane si svolgono online (pensiamo solo alle assicurazioni o ai contatti delle utenze luce e gas). Secondo un recente report di Gartner, la privacy e l’etica digitale sono due tra i principali trend del 2019.

La prima si riferisce alla raccolta, all'utilizzo e alla gestione dei dati, che devono essere eseguiti con responsabilità e in linea con le aspettative del cliente e con le regolamentazioni del caso.

L’etica dei dati, invece, stabilisce un approccio corretto ai dati stessi, considerandone l’influenza che può avere sull'individuo e sull'azienda.

L’utilizzo dei dati ha un impatto sulle persone e sulla società. Tale impatto può essere positivo, neutro o potenzialmente pericoloso. Nel prossimo futuro possiamo aspettarci che i form per il consenso all'uso dei dati si arricchiranno di voci specifiche legate all'etica digitale, per rispondere a domande come “cosa si intende per uso etico dei dati?”.

 

ETICA E LEGGI

I discorsi legati alla privacy sono diventati di importanza globale circa vent'anni fa, sulla scia dell’aumento nell'utilizzo di computer e di Internet. I governi si sono quindi mossi per legiferare sulla corretta protezione dei dati personali.

Oggi assistiamo a un nuovo step di questo processo. La globalizzazione dell’economia e delle comunicazioni sta modificando radicalmente il modo in cui ci connettiamo con il mondo. Per tenere il passo con un mondo digitale in costante evoluzione, è necessario aggiornare le pratiche per il rispetto della privacy. Non più solo la spunta di una casella per la presa visione dell’informativa, quindi, ma un profondo cambiamento nelle regole stesse che tenga in considerazione gli effetti sulle persone delle nuove tecnologie e un utilizzo dei dati spesso più complesso di quanto ci si possa aspettare.

Un approccio aderente alle leggi e tecnicamente appropriato potrebbe non essere necessariamente etico o mirato a proteggere la privacy degli utenti, e su quest’aspetto le aziende devono riflettere.

 

PRIVACY E SUCCESSO ANDRANNO DI PARI PASSO

Il successo di un prodotto o di un servizio sarà sempre più legato all'implementazione di policy sulla privacy e sull'utilizzo dei dati direttamente nel design del prodotto/servizio stesso (Privacy by Design).

Tecnologie rivoluzionarie come l’AI, il machine learning e l’internet delle cose (Internet of things, IoT) richiedono per definizione un'attenzione particolare alla privacy e all'uso etico dei dati che raccolgono. Per un’azienda è molto più facile ed efficace inserire questi principi direttamente nella fase di sviluppo invece che aggiungerli in un secondo momento tramite correzioni o aggiornamenti.

Questo permetterà, inoltre, di monitorare costantemente l’andamento del servizio: una gestione ordinata e trasparente dei dati permette di analizzarli più facilmente, intercettando eventuali problemi sul nascere.

 

COSA ASPETTARCI

Il 2019 sarà un anno deciso per l’etica e la privacy dei dati. Questi temi saranno di massima importanza in tutto il mondo e a tutti i livelli, dalle discussioni accademiche a quelle governative.

Possiamo aspettarci un inasprimento delle regole già esistenti, oppure auspicare una fusione tra leggi, diritti individuali ed etica digitale per affrontare il mercato della tecnologia in maniera più bilanciata e aperta al futuro.