.Blog

Brochure e libri digitali ovvero eBook, in formato EPUB

Brochure e libri digitali ovvero eBook, in formato EPUB
I documenti in formato digitale EPUB, al contrario dei libri stampati e dei file PDF, sono pensati per avere contenuti re-impaginabili, “dinamici e fluidi”, che si adattano agli schermi dei device e alle necessità degli utenti (agendo ad esempio sulla dimensione e il tipo di carattere del testo, ma non solo).
 

I vantaggi

In questo formato digitale si possono realizzare libri di testo eBook, fixed-layout eBook e libri digitali interattivi e multimediali.
 
Chiunque può avere la propria opera pubblicata e distribuita tramite le librerie digitali (iTunes di Apple, Google Play, Kindle di Amazon, e molte altre).
Queste librerie però contengono eBook in formati proprietari simili a EPUB, cioè leggibili solo tramite loro device o app. Questo è un grosso vincolo per la veloce distribuzione in tutte le librerie.
 
Il formato EPUB è un formato open, cioè non legato ad alcun marchio corporate, può essere distribuito al di fuori di una libreria digitale (ad esempio solo con un link sul web) ed è di facile sviluppo, a patto che si conoscano le basi di XHTML e CSS.
 
Per quest’ultima caratteristica il formato EPUB è interessante per chi già lavora nel web, soprattutto se si volesse sviluppare una eBrochure o un documento che abbia una certa interattività, come animazioni in CSS3, javascript, grafici animati, etc.
 
Alcune volte il contenuto e il design del documento sono così legati tra loro che non possono essere inseriti in un formato digitale “fluido” come un classico eBook.
Ogni adattamento del contenuto al device e all’utente potrebbe comprometterne la lettura e la comprensione.
 
Se l’esigenza è di avere il pieno controllo della presentazione visiva, il formato EPUB 3.0 unito ad un layout di pagina fisso (Fixed Layout) è l’ideale e dà la possibilità di creare brochure digitali interattive.
 

La tecnologia

Come già accennato, per sviluppare un file EPUB si può procedere creando le pagine in xhtml e sviluppando il design con CSS2 (il CSS3 è supportato, ma la sua compatibilità è data dalle diverse app e device sul quale il file verrà visualizzato).
 
Sono supportate le MEDIA QUERIES, ma anche queste sono strettamente legate alle app e ai device.
 
Una volta create le pagine XHTML e le cartelle del progetto, basta comprimere il tutto in formato ZIP e cambiarne l’estensione in “.epub”.
Ma prima di arrivare alla creazione del file finale, lo sviluppo deve seguire alcune linee guida di seguito elencate.
 

Come iniziare

Le cartelle e i file che comprimeremo in formato ZIP dovranno contenere ed essere annidate seguendo istruzioni precise.
 
Non devono mancare:
 
  1. File “mimetype
  2. Cartella “META-INF
  3. Cartella “OEBPS
 
"mimetype"
E’ un file senza estensione che al suo interno specifica semplicemente che tutto il contenuto fa parte di un file di tipo EPUB.
application/epub+zip
 
"META-INF"
La cartella contiene un solo file XML nominato “container”.
Al suo interno si specifica il percorso dove è inserito il file “content.opf” (vedi seguente), di vitale importanza per la corretta lettura da parte delle app.
 
"OEBPS"
La cartella ha il contenuto vero e proprio (ogni pagina è un file XHTML), il design del documento e i file specifici per il formato EPUB, che sono:
  • content.opf
  • toc.xhtml” (nome opzionale)
  • toc.ncx” (nome opzionale)
 

OEBPS: il cuore del formato EPUB

"content.opf"
 
E’ la spina dorsale dell’EPUB, “gestisce” tutti gli altri contenuti ed è un documento XML.
Al suo interno viene indicata:
  1. la versione dell’EPUB (2.0 o 3.0)
  2. l’ISBN del libro
  3. i metadata (non pregiudicano la funzionalità del file) per avere informazioni sull’autore, titolo, lingua, etc.
  4. manifest”, la sezione più importante
  5. spine”, anch’essa importante
  6. guide
 
Nella sezione “manifestvanno dichiarati tutti i file, contrassegnati da un ID univoco, che si trovano nel file EPUB (immagini, font, css, indice (toc), etc).
Deve esserne specificato anche il tipo di file (jpeg, xml, text/css, svg, etc).
 
In “spine” viene definito l’ordine di visualizzazione dei file che hanno il contenuto vero e proprio.
 
In “guide” si specifica che ruolo ha ogni file dell’EPUB. Ad esempio indica quale file sarà l’indice (“toc”), quale sarà la cover, etc.
 
"toc.ncx" e "toc.xhtml"
Hanno la stessa funzione, quella di definire l’indice del documento, ma sono scritti con sintassi diverse.
 

Finalizzare il file EPUB

Una volta seguite le linee guida e finalizzati i file dell’EPUB, si può passare alla loro compressione in formato ZIP.
 
Se utilizzate un Mac, sicuramente avrete le cartelle piene di file DS_STORE (devono essere eliminati per non generare warning ed errori in fase di validazione).
 
Basta eseguire da terminale l’istruzione elencata qui:
 
Solo adesso si può rinominare il file ZIP in EPUB, ed avere finalmente il vostro documento digitale completo e leggibile dagli eReader e device.
 

Link utili

EPUB 2.0.1 specifiche
 
EPUB 3.0 specifiche
 
ePUB Validator